Al momento stai visualizzando TRAP

TRAP

LA NUOVA MUSICA DEI RAGAZZI

di Giovanni Filigheddu

Già dall’anno scorso il rap si è evoluto in un sottogenere  mai sentito in Italia, “la Trap”. Ma cosa sarà mai questa Trap? Un nome così strano che oltre alla curiosità, non sembra promettere niente di interessante, almeno musicalmente. Così invece non è. Perché essere diversi non vuol dire essere delle schiappe ma innovativi e originali. E la Trap è proprio questo: tanta innovazione e unicità.  Parole e musica che raccontano le storie di chi le propone e di chi le ha vissute in prima persona, sostenute da una base cupa con  testi meno complessi ma con grande significato. Il  genere era già conosciuto in America e Francia, ma in Italia un  primo lavoro del genere lo portò Sfera Ebbasta nel 2015. Ogni rapper, però, utilizza la Trap in modo diverso: Ghali fa riferimento a Dragon ball e usa molti termini in arabo; Tedua  usa una metrica diversa dagli altri, chiamata drill; Izi parla spesso del suo passato mentre Enzo Dong parla di Scampia e fa rap in napoletano. Vegas Jones si rispecchia nel suo quartiere natale con i suoi fatti e le sue storie; Rkomi parla del quartiere di Calvairate e di cosa prova un ventenne e Achille Lauro, infine parla dei “ragazzi madre” figli della sua generazione cresciuta da sola, senza l’aiuto dei genitori. Il linguaggio però, è simile tra i vari artisti anche se spesso, usano parole della loro zona o di altre lingue. Il genere è amato dai giovani, perché ci sono tanti artisti diversi e tra gli ascoltatori ci sarà sempre qualcuno che si rispecchia nelle loro canzoni. Nella Trap si sono formati dei collettivi di rapper, produttori, merchandiser  e tante altre figure. I collettivi sono: la Wild Bandana (Genova), la Billion Headz Money Gang (Cinisello), la Z4G (della zona 4 di Milano) e la Dark Polo Gang (Roma). La Trap ha molti artisti, tutti diversi tra loro che vogliono portare innovazione e creatività, ognuno ha un suo stile e ciò li rende tutti unici, persone che con la musica possono fuggire da una vita “normale” facendo ciò che gli piace